I baci dell’angelo


I baci dell'angelo
Finalmente riusciva a rilassarsi dopo un’intensa ora passata a cantare una mielosa ninna nanna.

Quel neonato era davvero terribile. Bellissimo ma troppo vispo per avere solo due mesi. Avrebbe dovuto passare il tempo a mangiare e dormire, non a torturare sua madre.

Ora poteva permettersi il lusso di leggere qualcosa mentre l’intestino dava libero sfogo alla sua arte.


In bagno faceva freddo: sicuramente Lucio, suo marito, prima di uscire aveva spalancato la finestra. Non era molto piacevole stare lì, seduta al gelo mezza nuda ma cosa avrebbe potuto fare? Era già tanto esserci.

Il pensiero non finì di attraversarle la mente che un pianto disperato la ridestò dalla tranquillità a fatica conquistata.

– Si è già svegliato! Quanto tempo sarà passato? Che rottura! Mai che riesca ad avere più di cinque minuti per me.

Il pianto cessò. Si sarà riaddormentato pensò, esacerbata e stanca.

Silenzio.

Tic-tac… la sveglia sul comodino, unico rumore. Le orecchie iniziarono a fischiare come dopo un frastuono prolungato.

La porta del bagno era socchiusa. La fessura da cui era visibile uno squarcio della stanza da letto si fece più grande. Lentamente.

Al rallentatore la porta si aprì del tutto. La donna incredula, con la bocca spalancata in un urlo senza voce, lasciò rovinare a terra il libro che aveva appena aperto.

A mezzo metro dal pavimento due iridi scarlatte la stavano fissando. In piedi, la creatura con la manina aperta spingeva la porta. La boccuccia curvata in un serafico sorriso. Oltre le labbra rosa, denti lucidi e affilati come chiodi d’avorio. Dalla gola dell’angelo scaturì una melodia soave, dolce e svenevole come la morte.

Quella donna le aveva donato la vita, ora lui, per ringraziarla del suo amorevole gesto, l’avrebbe condotta al cospetto di colui che tanto ama il colore e il sapore del sangue e che tanto brama la carne strappata dalle ossa grazie a quei teneri baci:

– Ti voglio bene mamma!

Sussurrò l’angelo staccando via l’orecchio a sua madre.

Annunci

Pubblicato da

Filomena scrive...

Lettrice ingorda, insaziabile, onnivora. Scrivo per passione e per necessità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...